La business idea - DR.SALVATORE BRAY - DR.MARIA RITA BRAY Studio commerciale, tributario, lavoro

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

La business idea

Prestito d'Onore

PREMESSA
Gran parte della gente, prima o poi, ha pensato di mettersi in proprio e quasi tutti hanno sentito un fremito d'eccitazione all'idea. Può darsi che si abbia il desiderio di dedicare la maggior parte del proprio tempo a fare qualcosa che piace - forse mettendo su un ristorante per chi ama la cucina o un negozio di piante e fiori per chi ama il giardinaggio. Può darsi che vogliate liberarvi del lavoro di una grande organizzazione ed il tempo impiegato vi sembri come una camicia di forza oppure che state rischiando di perdere il posto perchè l'azienda si sta ridimensionando. Può darsi che abbiate anche individuato una grossa opportunità, qualcosa su cui avete architettato progetti negli ultimi anni, oppure un'idea affascinante e attraente che vi è venuta in un lampo di ispirazione. Le attività economiche affrontabili con successo costituiscono uno spettro continuo:esse comportano impegni differenti e si adattano a tipi di gente diversi. Ad un'estremità c'è l'iniziativa ad alta potenzialità, l'idea completamente nuova, rivoluzionaria; all'estremo opposto c'è "l'azienda marginale", quella, per intenderci, che si prefigge lo scopo di eliminare un vuoto nella prestazione di un servizio ben conosciuto in una zona particolare e che quindi sfrutta l'occasione per costituire un nuovo punto operativo. Si può trattare per es. di una videoteca se quella più vicina dista 15 km. oppure di un centro per il disbrigo di pratiche di ogni tipo per le persone anziane o non autosufficienti, oppure ancora di rigenerazione cartucce per stampanti.
La prima cosa, pertanto,  da decidere è cosa volete fare e se avete le qualità necessarie per farlo. In linea di massima, se intendete ottenere successo con la vs/ attività, avrete bisogno di:

  • convivere con il rischio e prendere decisioni in situazioni di incertezza

  • pianificare ed organizzare in modo che la vita non si trasformi in una successione di stati di ansia

  • costruire e mantenere in funzione gli indispensabili sistemi informativi

  • organizzare il vs/ tempo in maniera efficiente  evitando di essere assorbito al 100% dal lavoro quotidiano

  • lavorare molto assiduamente per molte ore

  • ascoltare gli altri ( problemi, ideee, suggerimenti)

  • affrontare eventi spiacevoli ed intraprendere le azioni appropriate

  • ricercare e impiegare l'appoggio di consulenti validi piuttosto che lavorare con il convincimento di sapere tutto da soli.

L'IDEA IMPRENDITORIALE

Ricorda che in ogni caso il requisito fondamentale di ogni business idea è la sua realizzabilità. Prima di pensare di vendere un prodotto o di offrire un servizio, ti occorre sapere che cosa desidera il cliente e partire dai suoi bisogni. E' quindi di fondamentale importanza chiedersi "cosa vendere o offrire" ed al contempo a "chi vendere o offrire" in modo da conformarsi alle esigenze del cliente e non produrre o proporre un qualsiasi prodotto, sebbene di qualità, e poi cercare di propinarlo al cliente.
Un'altra cosa da fare per verificare se la tua idea sia realizzabile, è quella di valutare il rischio. Il pericolo che qualcosa vada male rientra nel concetto di fare impresa e anche se non lo si può eliminare, lo si può sicuramente contenere. Compiere il primo studio di fattibilità, ti consente quindi, di valutare i punti di forza e di debolezza e stimare il grado di rischio complessivo. Dopo aver individuato i fattori soggettivi ovvero le attitudini personali, capacità e competenze
che ti servono per misurare l'inclinazione a metterti in proprio, in questa fase ti si richiede di prendere in considerazione quei fattori che influiscono oggettivamente sull'avvio e sul successo di un'impresa quali l'andamento del mercato, l'ampiezza del settore di riferimento, la configurazione della concorrenza e la localizzazione dell'iniziativa.
A questo punto del percorso esiste un altro ostacolo da superare: la burocrazia.
Non è sempre facile per un aspirante imprenditore come te, sopratutto se inesperto, destreggiarsi con le procedure amministrative ed i suoi continui cambiamenti. In linea di massima ti servono le informazioni giuste:

  • sulle autorizzazioni da richiedere per ogni singola attività (atti, autorizzazioni, licenze, denunce, visti, null-osta, concessioni, prese d'atto ecc.);

  • sull'iter procedurale da seguire ( ad es. alcune autorizzazioni vanno chieste prima di iniziare l'attività, altre dopo)

  • sui formulari e la modulistica da riempire per ottenere l'autorizzazione o inoltrare la denuncia;

  • sugli enti a cui presenatre la domanda ( comune, regione, asl, camera di commercio ecc).

Informarsi su questi aspetti prima di far partire il progetto, ti permette di valutare in termini di tempo e di denaro quanto costa la tua attività e di riflettere sull'opportunità a proseguire o meno alla realizzazione della tua idea.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu