Pagina 8 News - DR.SALVATORE BRAY - DR.MARIA RITA BRAY Studio commerciale, tributario, lavoro

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagina 8 News

Fisco > Notizie

10/04/2014: Cancellazione partite iva inoperose
Pulizia dell'archivio contribuenti Iva con la cancellazine di quelle inoperose. L'A.E. ha istituito il codice tributo per il versamento della sanzione a seguito della comunicazione di cessazione d'ufficio della partita iva inattiva. La sanzione è pari a 516 euro (se pagata entro 30 giorni è di 172 euro con ravvedimento) con F/24 e codice tributo 8120)
30/04/2014 : Beni ai soci e finanziamenti, invio dopo Unico
Comunicazione dei beni ai soci e finanziamenti erogati dagli stessi solo dopo Unico: a regime la scadenza sarà entro i 30 gg. successivi  al termine di Unico. Pertanto se la scadenza di invio telematico è il 30 settembre, la comunicazione dovrà essere fatta entro il 30 ottobre.

10/10/2014 - I prelievi dei professionisti non sono redditi in nero

E' del tutto arbitrario presumere che un prelevamento non giustificato del professionista sia un investimento produttivo e quindi un compenso in nero ed un reddito non dichiarato. Lo svolgimento di un'attività professionale è diversa da quella di un imprenditore e pertanto non possono applicarsi le presunzioni di cui all'art.32 del D.P.R. 600 del 1973. Così la Corte Costituzionale con sentenza 228 del 28/09/2014

10/06/2015 - Nuovo cassetto per gli artigiani

Dal 15/06/2015 nuova procedura online per inviare all'Inps comunicazioni di artigiani e commercianti. La nuova funzionalità si chiama "invio comunicazioni" e sarà utilizzabile per inoltrare semplici comunicazioni/segnalazioni inerenti alle tipologie individuate e selezionabili nell'elenco presente nel modulo di invio

01/10/2015 - Se le risoluzioni sono contrastanti, niente sanzioni

Il contribuente non deve corrispondere le sanzioni quando le risoluzioni dell'agenzia delle entrate sono poco chiare e contrastanti tra loro. Così la Corte di cassazione con sentenza n^ 19412 del 30/09/2015

10/01/2016 - Risoluzione contratto: il fornitore recupera l'Iva

In caso di risoluzione del contratto per inadempimento, il fornitore può recuperare dall'erario, attraverso la procedura di rettifica dell'imponibile, l'Iva addebitata sulle operazioni eseguite e fatturate, ma non pagate dal cliente. Lo prevede una delle disposizioni introdotte nell'art. 26 D.P.R. 633/72 come riformulato dalla legge di stabilità.

20/02/2016 - Sconto Imu: comodato da registrare

Dal 01/01/2016 il proprietario dell'immobile ( esclusi gli A/1- A/8- A/9)  che concede in comodato gratuito lo stesso ad un parente in linea retta (genitori e/o figli) fruisce dell'abbattimento del 50% della rendita catastale. Il contratto deve essere registrato, il comodante deve risiedere nello stesso comune e deve possedere un solo altro immobile abitativo su tutto il territorio nazionale.

24/03/2016 - Stp può costituirsi come srls : sì dei commercialisti, no dei notai

Secondo il Cndcec la stp può costituirsi come srls in quanto l'inderogabilità delle clausole previste nel modello standard è da intendersi che solamente le clausole previste nel modello standard sono inderogabili e non che il modello stesso sia inderogabile. Di parere contrario il Consiglio nazionale notarile che esclude la possibilità di integrare lo statuto della srl semplificata

10/01/2017 - In vigore la nuova tassonomia dei bilanci

E' in vigore la nuova tassonomia in XBRL del 14/11/2016. I primi bilanci ad applicarla saranno quelli dei consorzi che dovranno depositarli entro il 28/02/2017.

20/01/2017 - Commercialisti: annunciato lo sciopero

Il primo sciopero dei commercialisti, salvo revoca all'ultima ora in caso di accordo con il Mef se verranno accolte le richieste della categoria, avrà decorrenza dalle ore 24 del 26/02/2017 fino alle ore 24 del 06/03/2017, Saranno comunque garantite le prestazioni indispensabili di cui all'art.5 del codice di autoregolamentazione vigente.

10/02/2017- No credito imposta di 100 euro per invii delegati a terzi

Coloro che delegheranno a terzi l'invio dei dati delle liquidazioni iva o delle fatture emesse o ricevute, non avendo sostenuto spese per adeguamento tecnologico, non potranno usufruire del credito di 100 euro previsto dall'art. 21 ter del dl 78/2010, nonostante il contribuente debba far fronte a nuovi adempimenti, finora non previsti. Ciò si ricava dal tenore letterale della disposizione introdotta dall'art.4 del dl 193/2016

30/04/2017 - Con l'afa o con il gelo scatta la cigo

gelo ed afa danno diritto alla cigo. Se la tamperatura è zero gradi o negativa l'azienda può ridurre l'orario di lavoro e ricorrere alla cassa integrazione ordinaria; se il termometro non supera 0 gradi fino alle 10 del mattino, il lavoro può essere sospeso per tutta la giornata. Allo stesso modo l'azienda può ricorrere alla cigo se il mercurio sale oltre 35 gradi, oppure, se al disotto, la temperatura percepita supera i 35 gradi. Lo precisa l'Inps stabilendo che le aziende non sono più tenute ad allegare i bollettini meteo

10/01/2018-Bonus sud e antimafia

L'impresa che richiede il credito imposta al sud dovrà soggiacere ai controlli antimafia della prefettura, estesi ad un nuovo elenco di soggetti tra cui un nuovo lenco di soggetti (componenti supplenti del collegio sindacale, conviventi del titolare e non solo dei familiari)

30/05/2014 - Fattura elettronica dal 06/06/14
Obbligo di fatturazione elettronica per le fatture emesse nei confronti di ministeri (comprese le scuole statali), agenzie fiscali ed enti di previdenza. Dal 31/03/2015, invece, l'obbligo riguarderà tutte le altre p.a. Gli enti previdenziali nei cui confronti sussiste l'obbligo dal 06/06/2014 sono: Inpdap, Inail, Inps, Casse dei professionisti.
30/06/2014-  Deleghe in compensazione e deleghe over 1000 euro tutte via Entratel
Dal 01/10/2014 le deleghe che per effetto della compensazione hanno un saldo finale pari a 0 e quelle che nonostante la compensazione riportano un debito da versare di qualsiasi importo, a prescindere dalla tipologia di contribuente (titolare o non titolare di partita Iva) potranno essere eseguite esclusivamente tramite il servizio Entratel. Lo stesso dicasi per i versamenti superiori a 999,99 euro che i privati non potranno più portare in banca, ma che dovranno passare obbligatoriamente per i servizi telematici Entratel.

01/01/2015 - Lo split payment dal 2015

Le pubbliche amministrazioni a decorrere dal 01/01/2015 non possono più pagare l'iva sugli acquisti di beni e servizi ai propri fornitori, ma devono versarla direttamente all'Erario- Questo per effetto della legge di stabilità 2015 (art. 17 ter d.p.r. 633/72)

29/01/2015 - Vecchi minimi anche nel 2015

Per i vecchi minimi resta in essere la possibilità di applicare ancora il vecchio regime con applicazione dell'imposta del 5% fino al compimento del quinquennio o fino al 35^anno di età-

10/10/2015- Perdita seguita da fallimento: no accertamento induttivo

E' nullo l'accertamento induttivo quando la società presenta una perdita di esercizio seguita poi dal fallimento.In tali casi, infatti l'ufficio non può emettere l'atto impositivo sulla base di quanto dichiarato da aziende simili presenti in comuni limitrofi. Così la Corte di cassazione con sentenza n^ 19602/2015.

20/01/2016 - Per i c/c, la banca controlla la residenza

Dal 01/01/2016 chiunque si reca allo sportello per aprire un c/c deve sottoscrivere un'autocertificazione di residenza fiscale. Per i soggetti diversi dalle persone fisiche dovrà essere acquisita la denominazione o ragione sociale e la sede legale.

10/11/2016 - Vietata la partecipazione a Stp differenti

Divieto di partecipazione a più Stp per i soci di capitale. L'icompatibilità è valida anche per i soci di investimento. Lo ha chiarito il CNDCEC commentando l'art.6 dell'art. 10 della legge 183/2011 dove si dispone" la partecipazione ad una società è incompatibile con la partecipazione ad altra società tra professionisti"

20/11/2016 - Iva, obbligo di iscriversi al VIES

L'iscrizione alla banca dati Vies è vincolante per beneficiare della non imponibilità iva delle operazioni intracomunitarie. In assenza di autorizzazione le transazioni saranno soggette all'imposta, anche se effettuate da soggetti passivi. A tale proposito la Commissione europea dovrà mettere a punto un'apposita direttiva a modifica della direttiva 2006/112/Ue.

31/01/2017- No voucher nella P.A.

Non è possibile assumere  con il voucher nella P.A. per lo svolgimento di lavoro di ufficio, perché coprire i posti per poche ore con i buoni lavoro invece che col part time viola il T.U., art. 36 comma 2 del dlgs 165/2001, dal quale deriva il divieto di utilizzare forme flessibili di lavoro per far fronte ad esigenze stabili. 

20/02/2017- Esenzione iva scambi intracomunitari. Beneficio anche senza Vies

Il possesso di un numero di partita iva validato dal Vies, non è una condizione sostanziale per l'applicazione del regime iva proprio degli scambi intracomunitari. Perciò, se l'acquirente dei beni oggetto di scambio è un soggetto passivo di imposta, l'esenzione della cessione intraUe non può essere negata per il solo fatto di non essere iscritto al Vies, salvo che in caso di frode. Così la Corte di giustizia Ue nella sentenza 9/02/2017.

10/03/2017- Apertura partite iva: boom di stranieri nel 2016  

Il 20% di partite iva sono di stranieri. Complessivamente nel 2016 sono state aperte 502 mila partite iva di cui il 71% da persone fisiche, 23% da società di capitali e 5,3% da società di persone.

15/09/2017 - Professionisti: Preventivo in forma scritta

Preventivo obbligatorio in forma scritta per i professionisti ai sensi della legge 124/2017 (ddl concorrenza). Pertanto, al momento del conferimento dell'incarico da parte del cliente, il professionista dovrà comunicare sempre e comunque  un preventivo scritto con l'indicazione del compenso di massima, degli oneri e spesae ipotizzabili, degli estremi della polizza assicurativa, dei titoli posseduti e le eventuali specializzazioni conseguite.

20/09/2017 - Costi sproporzionati deducibili

La corte di Cassazione con sentenza 21405 del 15/09/2017 ha negato che il Fisco possa effettuare una valutazione di congruità e negare la deduzione di un costo della società perchè ritenuto sproporzionato rispetto al fatturato dell'azienda. E questo perchè il controllo attingerebbe a valutazioni di strategia commerciale riservate all'imprenditore.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu